Soconas Incomindios Your browser doesn't support java or java is not enabled! 
comitato di solidarietà con i popoli nativi americani

       Ritratto di Russell Means

         Serigrafia su tela con 

         colori acrilici, 1976.

         Andy Warhol

 

Rivolta di Wounded Knee (1973)

 

Rivolta di Wounded Knee (1973)

Russell Means e Dennis Banks

Russell Means

Un leader mediatico

Una biografia un pò agiografica che traiamo, con qualche adattamento, dal sito <www.russelmeans.com>. Russell Means ha vissuto una vita come pochi altri ed è stato onorato per i risultati raggiunti e per il suo notevole coraggio. Il Los Angeles Times lo ha definito l'indiano americano più famoso, dai tempi di Toro Seduto e Cavallo Pazzo. Il suo percorso lo ha portato a Hollywood, dove ha avuto la possibilità di creare immagini positive dei nativi, che celebrano il fascino ed il mistero del suo retaggio culturale e, soprattutto, di educare tutti alla battaglia cruciale: la salvaguardia della terra.
Nel 1973 catturò l'attenzione dei media guidando per settantun giorni l'occupazione armata di Wounded Knee nella riserva di Pine Ridge (Sud Dakota). 
Nel 1978, Means si unì alla "Longest Walk", la marcia per contestare una nuova tendenza legislativa anti-indiana che prevedeva l'abrogazione dei trattati e la conseguente restrizione dei diritti degli indiani; tra l'altro, in quegli anni fu attuato anche un programma di sterilizzazione forzata delle donne native. In seguito alla marcia, la Camera dei Deputati degli Stati Uniti passò una risoluzione che riconosceva agli indiani il diritto "di credere, esprimere e praticare le loro religioni tradizionali, di avere libero accesso a siti, uso e possesso di oggetti sacri, e alla libertà di culto mediante cerimoniali e riti tradizionali".
In seguito, con la stessa appassionata determinazione, ha rivolto la sua energia verso l'industria dello spettacolo. Questo famoso attivista politico e leader della prima ora dell'American Indian Movement (AIM), ha recitato in film di successo, tra cui L'ultimo dei Mohicani, ha partecipato a video e documentari televisivi, ha scritto testi per canzoni di protesta, è l'interprete principale di un CD-ROM ed ha creato un proprio sito web (www.russellmeans.com), dove si possono trovare informazioni sull'AIM, su eventi vari ed argomenti ambientali e politici.
Nato nella riserva di Pine Ridge, South Dakota, nel 1939, Russell è il primogenito di Hank Means, un Oglala Sioux, e di Theodora Feather, una Yankton Sioux. Poco dopo l'inizio della Seconda Guerra Mondiale, la famiglia si trasferì in California dove Russell frequentò le scuole pubbliche, diplomandosi alla High School di San Leandro, nel 1958. Proseguì la sua istruzione scolastica all'Oakland City College e poi in Arizona.
Il suo impegno a migliorare le difficili condizioni del suo popolo si intensificò lavorando come direttore del Cleveland's American Indian Center, dove incontrò Dennis Banks, co-fondatore dell'AIM. Durante questo periodo, Russell assunse una posizione di rilievo nazionale e organizzò molti eventi destinati a conferire dignità agli indiani d'america.
Guidò una preghiera sul Monte Rushmore ed intentò una causa per nove milioni di dollari contro i Clevelad Indians, affermando che il soprannome della squadra di football diffamava gli indiani. Il suo più noto atto di sfida avvenne nel 1973, con l'occupazione di Wounded Knee che rivisita la scena del massacro del 1890. Fu una reazione ad una serie di omicidi impuniti (i cui mandanti, anche se era difficile provarlo, erano nel governo tribale appoggiato da Washington)n ed alle condizioni di estrema oppressione e povertà presenti nelle riserve.
Sempre attento ad avere l'attenzione dei media, Russell è stato lodato forse più dalla comunità internazionale che dai suoi connazionali per il suo sforzo inesauribile. Attualmente vive a Santa Fe, New Mexico, e a Porcupine, nella riserva di Pine Ridge, Sud Dakota. I suoi valori familiari rispecchiano le tradizioni della comunità: il rispetto di tutto il creato, l'educazione dei giovani e la venerazione dovuta agli anziani.
E' orgoglioso di avere istituito programmi come la Porcupine Health Clinic, il Free Ambulance Service ed anche il T.R.E.A.T.Y., un centro di trattamento basato su concezioni moderne e indiane tradizionali di autoanalisi, per guarire qualunque tipo di dipendenza. Uno dei suoi obiettivi è l'istituzione di una scuola "total immersion", che si ispira ad una esperienza fatta dai Maori della Nuova Zelanda, dove i bambini sono immersi nella lingua, nella cultura, nella scienza, nella musica e nella narrazione di storie del loro popolo. Russell vorrebbe adattare questo concetto di immersione totale agli indiani, che, a loro volta, possono essere genitori, di una nuova generazione di bambini fieri, educati nel contesto del loro retaggio culturale.
Russell Means ha dedicato la sua vita ad eliminare ogni forma di razzismo, confermandosi in tal modo come il più rivoluzionario leader indiano della fine del ventesimo secolo. Visionario ispirato, egli resta una delle voci più magnetiche dell'America di oggi. Sia che guidi una protesta, partecipi ad un film, esegua la sua musica "rap-ajo", o provi l'ultima possibilità di "autentica paternità indiana", il messaggio che manda è coerente con la filosofia che impronta la sua vita. Egli affermava nel 1997: "L'Universo che controlla tutta la vita ha un equilibrio femminile e maschile che è prevalente in ogni punto della nostra Grande Madre Sacra, la Terra. Questo equilibrio deve essere riconosciuto e diventare il fattore determinante in tutte le decisioni di un individuo, siano esse spirituali, sociali, relative alla salute, all'educazione o all'economia. Una volta che l'equilibrio sia diventato parte integrante della vita di un individuo, ogni pianificazione, ricerca, azione e ciò che segue, diventa un fatto naturale. Gli obiettivi mirati diventano una realtà su base coerente. Le cose buone capitano alla gente buona; ricorda che il tempo è dalla nostra parte. Mitaku Oyasin (siamo tutti imparentati)".

A cura di Naila Clerici e Francesca Marchese

 

Pubblicato su Tepee n. 36 del 2009.

www.russellmeans.com

Soconas Incomindios - Via San Quintino 6 10121 Torino - c.c.p. 33770108

©2002-2015 Soconas Incomindios
Comitato di solidarietà con i popoli Nativi Americani
e-mail:redazione@soconasincomindios.it

Webmaster